Photo by luizclas on Pexels.com
Tra inutili sinfonie rivedo remake di una vita passata
improvvisamente ripenso al sussurrare di certe frasi.
Con avidità indecente le promesse volano tra ritornelli
danteschi di una vanità di certo assoluta.
Una mano sincera sorreggeva con tanto cuore un animo in pena
che singhiozzando afferrava quell'appiglio insperato.
Con la profondità di occhi innocenti un cuore fu risollevato
con un amore vero e puro facendo da contorno.
Le stelle cadenti disegnavano immagini
che solo i sogni potevano rivelare senza ombre sfocate.
Nell'anfora di questo amore è albergato anche il perdono
un perdono che aveva il nome della dolcezza.
Poi d'improvviso la fine che sapeva di tramonto
inaspettato quanto doloroso nel suo incedere.
Le domande ed i perchè si insinuavano senza sosta
ma le risposte erano assenti e sapevano di menzogna.
Tutto ormai rimane segretamente nel cuor mio
amaramente tradito da un sentimento ormai acre.
Oggi gli occhi dell'animo vedono tutto...
tra malinconici silenzi hanno capito ciò che non voleva.


Salvo Occhino

I diritti sono dell'autore