Oggi è la Giornata Mondiale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Il 20 novembre del 1989 venne promulgata la Convenzione Internazionale ONU, la più sottoscritta fra tutte le convenzioni.

Sono infatti 196 gli Stati che l’hanno ratificata e il 197° Paese, gli USA, l’hanno solo sottoscritta.

La 31^ celebrazione cade in piena pandemia e rapporti pubblicati quest’anno sono davvero da consultare
11° rapporto del Gruppo CRC http://gruppocrc.net/wp-content/uploads/2020/11/XIrapportoCRC2020_compressed.pdf,
Atlante 2020 di Save the Children “Con gli occhi delle bambine” https://www.savethechildren.it/cosa-facciamo/pubblicazioni/con-gli-occhi-delle-bambine
Nella celebrazione al Senato “Le sfide della pandemia per l’infanzia e l’adolescenza” sono intervenuti adulti ma fortunatamente anche alcuni ragazzi.
Il Presidente del Comitato ONU Luis Ernesto Pedernera Reyna è stato chiaro: “Il confinamento e le quarantene hanno provocato nei bambini ansia, stress, disperazione. L’esposizione ai monitor durante lunghe ore del giorno ha generato altri tipi di problemi come per esempio sedentarietà, problemi di alimentazione e del sonno” http://www.radioradicale.it/scheda/621763/giornata-nazionale-dei-diritti-dellinfanzia-e-delladolescenza-le-sfide-della
I ragazzi dell’UNICEF hanno risposto con la voglia di partecipare con il loro contributo di energia e di idee all’interno delle proprie comunità! Ascoltiamoli!
Rapporto UNICEF “Essere adolescenti al tempo del COVID-19” idee e proposte per un futuro migliore https://www.unicef.it/programmi/programma/futurewewant/home.htm