Antonella Viola: Vaccini e bambini. Se ne parla molto ma cosa si sa?

Al momento, nessun vaccino anti-COVID19 è stato approvato e nessun vaccino è stato usato nei bambini. Come è giusto che sia, infatti, si attende la verifica del profilo di sicurezza ed efficacia (autorizzazione) negli adulti prima di iniziare ad utilizzare il vaccino nei bambini. 

Una volta che le agenzie regolatorie saranno certe del profilo di sicurezza dei vaccini, potranno iniziare le procedure per attivare gli studi nell’età pediatrica, al fine di identificare le dosi giuste e valutare l’attivazione della risposta immunitaria.

I bambini saranno quindi gli ultimi ad essere vaccinati, non solo perché i dati degli studi clinici arriveranno molto più tardi ma anche perché sono i meno colpiti dal virus. Bisognerà vaccinarli? Probabilmente sì. 

E’ vero che la maggior parte di essi non sviluppa sintomi gravi, ma in alcuni casi anche i bambini possono andare incontro a ricovero in ospedale o peggio. In particolare, i bambini con meno di un anno sembrano essere più suscettibili al virus così come quelli che hanno altre condizioni come asma, diabete, malattie genetiche, cardiopatie, problemi del sistema immunitario e obesità.

Come sempre, ne usciremo solo se saremo tutti protetti, senza escludere nessuno.