Oggi vi raccontiamo qualche curiosità sulla vita di Isaac Newton, nato a Woolsthorpe-by-Colsterworth ,in Inghilterra, il giorno di Natale del 1642, prematuro e orfano di padre.

A tre anni, la madre si risposa e lo affida alla nonna. Lo riprenderà con sé solo quando Isaac avrà undici anni, una volta rimasta nuovamente vedova. Non possiamo dire che la vita di uno dei massimi geni del pensiero sia cominciata sotto i migliori auspici. Newton è un alunno diligente, ma non particolarmente brillante, se si esclude la sua attitudine alla costruzione di giocattoli meccanici.

Nonostante le difficoltà economiche, riesce a iscriversi al Trinity College dell’Università di Cambridge, dove rapidamente attrae l’attenzione del professore di Matematica Isaac Barrow.

Nel 1665, a causa di un’epidemia di peste, torna a casa ma soltanto nel 1687 publicherà i famosissimi “Philosophiae naturalis principia mathematica”. Scritta inizialmente in latino, l’opera presenta una sistematizzazione della meccanica a partire dalle tre leggi del moto, oggi note come princìpi della dinamica e contiene una spiegazione del moto dei pianeti a partire dalla legge di gravitazione universale.

Nel 1692 Newton è colpito da gravi disturbi psichici che gli impediscono gli studi per diciotto mesi. Un paio di anni più tardi diviene ispettore della Zecca di Londra e svolge al meglio il suo compito, diventandone poi il direttore.

Muore il 20 marzo del 1727 a 85 anni e venne sepolto nell’abbazia di Westminster a Londra.

Fonte : SEI EDITORE