Tra le Anse Del Tempo, Giuseppe Buro

Tra le Anse Del Tempo

Portami lontano dove il sentiero si dirama

e il fiume forma un’ansa dove non passa 

l’acqua, tra le valli chiuse e diventa tu il mio

sogno.

Portami tra i ruscelli ribelli tra fiori e le rose

tra gli alberi secolari accanto ai rami, senza

sogni di sorta abbracciami e portami via,

prendi la vita mia.

La tristezza portati via che non mi sorprenda 

la sera, questa figlia persa non del mio tempo,

che s’invola tra i rami secchi.

Quando non riesco ad avere costanza sfiorami

con la mente e dimmi ci sono, nei meandri del

tempo dove si odono i rumori del cuore,  dove 

non esiste distanza.

Ora cala la sera e prima che il sole scompaia

va via ti prego e lasciami solo con i ricordi,

fa che tutto svanisca e questo cuore s’arrenda.

@ Giuseppe Buro