L’uomo dei piccioni, Nelle mani di nessuno e Lo strano caso dell’invisibile scomparso ecco i titoli che l’autore ha scelto per raccontare la vita dei senzatetto quasi al pari di una esistenza parallela alla realtà che viviamo quotidianamente.
Ci sono i clochard e poi ci siamo noi. Due mondi lontani che non si incontrano e se lo fanno è solo per evidenziarne ancora di più la distanza

L’indifferenza che caratterizza le nostre azioni, rende invisibili ai nostri occhi queste anime speciali e luminose – perché si tratta proprio di questo, persone straordinarie. Lo scenario siciliano e la denuncia alle istituzioni che mancano di operato e di tutela ai meno fortunati, sono raccontati con un linguaggio crudo e brutale che si alterna alla poesia dei paesaggi, bellissimi e mozzafiato

Una trilogia che ha il sapore del romanzo sociale, che si tinge dello stile verista tipico di chi non ha timore di denunciare e aprire gli occhi su come spesso i clochard spariscano senza lasciare traccia e senza nessuno che se ne preoccupi. Gli invisibili che svaniscono sono una triste realtà, il problema è che troppe volte ci dimentichiamo che siamo umani e che forse dovremmo solo essere grati.
Non voltiamoci dall’altra parte ma chiniamoci ad aiutare.

Chiara Argiro