Come stabilito dall’ultimo Decreto del 18 novembre da oggi, e sino al 27 dicembre compreso, l’Italia è diventata zona rossa. Questo ha comportato, oltre alla riduzione degli spostamenti, anche alla chiusura di molti esercizi commerciali. Tra questi anche i ristoranti, i bar e le pasticcerie che potranno sempre fare consegne a domicilio senza limiti d’orario e l’asporto sino alle 22. Di seguito, invece, l’elenco di quei negozi che resteranno invece aperti:

  • alimentari (ipermercati, supermercati, discount di alimentari, minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimenti vari);
  • calzature per bambini e neonati;
  • cartolerie e forniture per ufficio;
  • computer ed elettronica di consumo;
  • surgelati;
  • distributori di carburante;
  • apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni;
  • ferramenta, vernici, edilizia;
  • articoli igienico-sanitari;
  • serre e negozi per giardinaggio e agricoltura;
  • articoli per l’illuminazione e sistemi di sicurezza in esercizi specializzati;
  • librerie;
  • edicole e chi vende giornali;
  • negozi di biancheria personale;
  • articoli sportivi e per il tempo libero;
  • autosaloni e motosaloni;
  • negozi di giocattoli;
  • farmacie e parafarmacie;
  • negozi ortopedici e medicali in generale;
  • negozi di cosmetici e profumerie;
  • erboristerie;
  • fiorai
  • negozi che vendono alimenti e oggetti per animali domestici;
  • ottici;
  • fotografi;
  • negozi di combustibile per uso domestico e per riscaldamento;
  • negozi che vendono detersivi e prodotti per la pulizia domestica;
  • pompe funebri e articoli funerari e cimiteriali;
  • ambulanti che vendono prodotti alimentari e bevande (ortofrutticoli, ittici, carne, fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti e in generale generi di prima necessità);
  • barbieri e parrucchieri;
  • lavanderie e tintorie;
  • stirerie.

Da Radio Gold