Il presepe, l’albero, il panettone e La vita è meravigliosa. Il film del 1946 di Frank Capra dopo settanta anni è ancora quello che nel mondo caratterizza più di ogni altro il Natale. La pellicola è universalmente riconosciuta come il capolavoro del regista italoamericano che da Bisacquino, un paesino in provincia di Palermo, arrivò ad Hollywood fino a diventare uno dei capiscuola nella storia del cinema.La storia è ambientata a Bedford Falls (nome immaginario), durante la notte di Natale. Mentre fuori nevica, gli abitanti della cittadina invocano l’intervento del Signore per aiutare un uomo che sta attraversando un periodo molto complicato della sua vita e sta meditando il suicidio. Dall’alto dei cieli Dio ascolta le preghiere degli uomini e per soccorrerlo decide di inviare sulla terra un angelo custode di seconda classe, Clarence Oddbody (Henry Travers), che se riuscirà nella sua missione di salvare l’uomo otterrà le ali e sarà promosso ad angelo di prima classe. Per immedesimarsi nello sventurato George Bailey (James Stewart) e riuscire poi a dissuaderlo dal suicidio, Clarence dovrà prima ripercorrere tutte le tappe fondamentali della sua vita, fino agli inaspettati esiti dell’incontro finale tra i due.

Sorgente: Tutto quello che non sai su La Vita è Meravigliosa di Frank Capra