ORME SVELATE

Un’analisi post mortem del tessuto cerebrale di persone a cui era stato diagnosticato un disturbo post-traumatico da stress (PTSD) può aiutare a spiegare i misteri duraturi del disturbo, come il motivo per cui le donne sono più suscettibili ad esso e il perché di una risposta smorzata nell’affrontare lo stress. L’analisi dei modelli di espressione genica nel tessuto cerebrale situato in quattro regioni della corteccia prefrontale – aree del cervello associate a funzioni cognitive superiori e controllo esecutivo – ha rivelato differenze distinte tra coloro a cui era stato diagnosticato PTSD e quelli che non l’avevano. Le principali differenze nell’attività genica hanno colpito in particolare due tipi di cellule nei pazienti con disturbo post-traumatico da stress: interneuroni, che inibiscono l’attività neurale, e microglia, cellule del sistema immunitario nel sistema nervoso centrale, riportano i ricercatori della Yale University il 21 dicembre sulla rivista Nature Neuroscience. I risultati suggeriscono che insieme questi…

View original post 339 altre parole