Il 20 aprile 1964 Nasce la Nutella

Il 20 aprile 1964 la crema di nocciole Supercrema, che era stata introdotta sul mercato nel 1951, cambia formula, densità e nome. Nasce ufficialmente la Nutella.[31] Tale prodotto accresce il successo dell’industria dolciaria al di fuori dei confini nazionali, giungendo dapprima in Europa e poi in tutto il mondo. Nello stesso anno il centro direzionale viene posto a Pino Torinese. In seguito aprono altri stabilimenti e sedi commerciali nei Paesi Bassi, Belgio, Svizzera, Danimarca e Regno Unito. Nel 1968 viene inaugurata la linea di prodotto Kinder Cioccolato.[32] L’anno seguente la Ferrero si espande oltre oceano aprendo un ufficio di rappresentanza a New York. A seguire apriranno sedi produttive in Austria, Irlanda, Porto Rico ed Ecuador. La produzione è ormai mondiale.

Sulla reale formula (ufficialmente segreta) del prodotto, che di fatto ha trasformato una impresa dolciaria italiana di media grandezza in una multinazionale di livello mondiale del settore alimentare, si sono susseguite nel corso degli anni diverse ipotesi e teorie, nessuna della quali però poteva essere comprovata; nel giugno 2015 l’organizzazione tedesca Verbraucherzentrale Hamburg (la quale si occupa di consumi e informazione alimentare) ha pubblicato sulla propria pagina Facebook una rappresentazione (seppur approssimativa) del presunto contenuto di un vasetto di Nutella basandosi sulle informazioni nutrizionali e sull’elenco degli ingredienti riportati in etichetta, mettendo in risalto la quantità elevata di zucchero vicina al 50% e di olio di palma superiore al 20%.

pastedGraphic.png
StatopastedGraphic_1.png Italia
Forma societariaSocietà per Azioni
Fondazione14 maggio 1946 a Alba
Fondata daPietro Ferrero, Giovanni Ferrero, Piera Cillario
Sede principaleLussemburgo
Persone chiaveGiovanni Ferrero (Executive Chairman) Lapo Civiletti (CEO)
SettoreAlimentare
Prodottidolci
Fatturato11,4 miliardi di (2019)
Utile netto928,5 milioni di (2019)
Dipendenti35.146 (2018)
Slogan«Le buone idee conquistano il mondo»
Sito webwww.ferrero.it

Da: https://it.wikipedia.org