Organico extra Covid ATA – Collaboratori scolastici da tre mesi non ricevono lo stipendio

A quando il pagamento delle assunzioni organico Covid del personale ATA – Collaboratori scolastici?

Scuola: L’organico extra senza stipendio, lo Stato assume ma non paga… 

di Pier Carlo Lava

Alessandria today: Il Ministero della pubblica Istruzione ha stanziato fondi per un assunzione aggiuntiva di personale scolastico in funzione del problema Covid, i contrati in questione e le relative assunzioni ATA – sono state effettuate verso la fine del di mese settembre 2020 su tutto il territorio nazionale.

Sono i collaboratori scolastici assunti come “organico Covid”, personale ATA voluto dal Miur per consentire alle scuole di funzionare a seguito delle normative di sicurezza legate alla pandemia di Covid 19

Ad oggi però secondo talune fonti locali non sono ancora stati pagati i tre mesi di stipendio, quando invece pare che i pagamenti siano stati sbloccati in diverse Regioni, mentre ci sarebbero ancora problemi in Piemonte e specificatamente per le province di Alessandria, Asti, Torino e forse anche Vercelli. 

Il Ministero fornisce un analisi delle problematiche e presenta la possibilità della rimodulazione dei fondi. La FLC CGIL sollecita il pagamento degli stipendi del personale già assunto e lo sblocco delle nomine per le scuole che non hanno ancora potuto chiamare.

La questione sarebbe nata dal fatto che esisteva una discrepanza fra le somme assegnate alle scuole per il pagamento dei contratti Covid e gli importi effettivi degli stipendi da pagare ai supplenti. 

Discrepanza dovuta ai criteri di calcolo differenti usati dal Ministero Istruzione rispetto al MEF. Questo aveva già prodotto una nota in cui si invitavano le scuole a stare “cauti” nella stipula dei contratti, per garantirsi un margine di elasticità nell’utilizzo delle cifre. 

Adesso il problema si è trasferito sul pagamento degli stipendi, con il conseguente blocco delle operazioni e il risultato è che questo personale sta lavorando da due mesi senza percepire stipendio. 

Ripetute sollecitazioni al Ministero e al Tesoro da parte delle segreterie regionali e nazionali hanno portato nella giornata di ieri ad un parziale sblocco delle procedure informatiche, che però non ha riguardato le provincie di Alessandria, Asti e Torino. 

Questo malgrado che il fatto che le segreterie delle scuole abbiano lavorato alacremente fino a tardissima ora, ieri sera, per sbloccare i pagamenti. La situazione a stamattina era ancora bloccata. 

Non si comprendono i motivi di questo blocco di tre province del Piemonte, a fronte dello sblocco nelle altre, e stiamo vigorosamente sollecitando affinchè anche da noi sia possibile effettuare i pagamenti. 

Seguiranno ulteriori aggiornamenti su questo increscioso ritardo, che sta mettendo in difficoltà centinaia di lavoratori e lavoratrici.