ben nota la straordinaria capacità olfattiva dei cani che, possedendo fino a 300 milioni e più di recettori rispetto ai 5 milioni del naso umano, sono in grado di percepire sostanze presenti in maniera infinitesimale.Non a caso si parla di “ cani molecolari”, che poi sono cani addestrati per la specifica ricerca di tracce odorose. Che peraltro possono essere le più varie e che gli animali riesco a captare anche a distanza di giorni, se le situazioni ambientali non sono mutate troppo (es. con la caduta di pioggia o neve) da quando la traccia è stata rilasciata.Pertanto da tempo i cani sono utilizzati in numerosi settori civili, militari ed ambientali per rintracciare persone vive o decedute (perdute ma anche sepolte sotto valanghe, frane o macerie), per individuare esplosivi, armi, droghe, ecc., ma stanno trovando un crescente impiego anche in campo medico per la diagnosi precoce di neoplasie (ad es. prostatiche e al seno), alterazioni metaboliche (es. diabete) e altro (di attualità le ricerche per l’individuazione di positivi al CoViD-19).

Sorgente: Quality detection dogs, i cani detective per il cibo