“…
-ricordi ancora, ricordi cuore ardente                                 
come avesti sete allora?-                               
che io sia bandito                                 
da ogni verità!                                 
Solo giullare! Solo poeta!”                                 
F. Nietzsche, Solo giullare! Solo poeta! da Poesie


amo la polvere perché copre
ciò che conosco
anche le foto delle veglie e dei sogni
una tregua primitiva
per la sopravvivenza

l’attraverso è aperto
come un solco di polvere
un dono rimasto appeso a una fedeltà sottile
la felicità può darsi nella
forma del nulla

andiamo nella stanza accanto a trovare il passato:
perché l’antro di un istrione sconosciuto
innanzi agli occhi? 
un giullare o un poeta
nel teatro degli inganni

perché questo ultrasuono continuo del senso 
quelle grida animali
senza scorciatoie?
e noi di qua di là
artigiani dell’effimero

Mani stropicciate
in un’unica corsa 
le nostre
tra arance succose e canzoni
di speranze e povertà 

intrecciate a velocità scabrosa
come fuochi d’artificio:
mani esplose.
Ecco somigliate a voi stessi
-dice l’istrione-

non è notte
            non è giorno
amo la polvere sulla mia vita

ha (s)coperto la fame
delle tue labbra

Renè Magritte

https://poesiesemiserie.com/page/39/