Momenti di poesia. Cosa rimane, di Stefania Pellegrini

Cosa rimane tra il vostro passare
e il mio rimanere,
di giorni bianchi di neve,
di sorrisi baciati dal sole.
Son senza gioco i fiocchi
nella risacca dei sogni,
scivola la luce
mentre sfoglio il vostro nome
e l’ombra traspare
tra pagine sbiadite – lontane.
La memoria ha briciole
che perde tra le mani
e tracce di radici
in cerca dell’origine.
Quanto vorrei il fiore di certe albe,
udire il vagito
di un giorno lasciato
e chiuderli in una tazza
per poterli riassaporare.
Curioso il passato,
se lo incontro
poco tradisce della sua anima,
e mi lascia spaesata
a cercarlo nello specchio.

Stefania Pellegrini ©

(Inedita – diritti riservati)