L’ORIGINE DEL PRESEPE DI GREGGIO

IL PRESEPE DI GREGGIO – AFFRESCO – GIOTTO

“Come il beato Francesco, in memoria del Natale di Cristo, ordinò che si apprestasse il presepe, che si portasse il fieno, che si conducessero il bue e l’asino; e predicò sulla natività del Re povero; e, mentre il santo uomo teneva la sua orazione, un cavaliere scorse il Gesù Bambino in luogo di quello che il santo aveva portato.” (Legenda maior X,7 di San Francesco)

Durante la notte di Natale del 1223, a Greccio (in provincia di Rieti), sulla strada che da Stroncone prosegue verso il reatino, Francesco rievocò la nascita di Gesù, organizzando una rappresentazione vivente di quell’evento. Secondo le agiografie, durante la Messa, sarebbe apparso nella culla un bambino in carne ed ossa, che Francesco prese in braccio. Da questo episodio ebbe origine la tradizione del presepe.

ADORAZIONE DEI MAGI – MASACCIO

I MAGI

Albeggiava. Come granelli di fuliggine, l’alba
spazzava le ultime stelle dalla volta celeste.
E della innumerevole folla solo i Magi
Maria lasciò entrare nella cavità della roccia.
Lui dormiva, tutto splendente, in una culla di
quercia,
come un raggio di luna dentro il cavo d’un tronco.
Invece di pelli di pecora,
le labbra d’un asino e le nari d’un bue.
Stavano in ombra, come nel buio della stalla,
sussurravano, trovando a stento le parole.
A un tratto qualcuno, un po’ a sinistra
nell’oscurità,
con la mano scansò dalla culla uno dei Magi
e quello si voltò: dalla soglia la vergine
guardava come un ospite la stella di natale.”

  Boris Pasternak

(Da La Stella di Natale)