Il punto della situazione su cosa è successo a Washington:

– Ieri sera centinaia di manifestanti pro Trump hanno attaccato l’edificio del Congresso a Washington, negli Stati Uniti, dove i deputati e i senatori americani si trovavano riuniti in seduta plenaria per certificare la vittoria di Joe Biden alle elezioni presidenziali.

– Mentre il dibattito era in corso, i sostenitori di Trump hanno cominciato a scontrarsi violentemente con le forze dell’ordine che difendevano l’edificio. A un certo punto molti di loro sono riusciti a entrare nel Congresso, arrivando incredibilmente fino alle aule.

– Da ore Trump stava aizzando i suoi sostenitori, prima durante un comizio poi sui social network, con incoraggiamenti e ringraziamenti. Twitter, Facebook e YouTube hanno cancellato un video in cui Trump li ringraziava del loro sostegno, legittimando di fatto le violenze.

– Dopo circa quattro ore i rivoltosi sono stati evacuati. Nella notte non ci sono state ulteriori violenze e rivolte al Campidoglio, dove è tornato a riunirsi il Congresso per proseguire con la seduta interrotta dall’insurrezione.