A fronte dell’eventuale insediamento di un deposito di materiale radioattivo è stata convocata un’assemblea pubblica al Laboratorio Sociale di Alessandria, in via Piave 63, per il prossimo venerdì 15 gennaio alle 17.30, “nel pieno rispetto delle normative anti Covid”, per dire no a questa ipotesi. Sono stati invitati “tutte le cittadine e i cittadini di Alessandria, Castelletto Monferrato, Quargnento, Fubine, Oviglio, Bosco Marengo, Frugarolo, Novi Ligure, Sezzadio, Castelnuovo Bormida e quelli di tutti gli altri Comuni della provincia”. 

“No al deposito nucleare nazionale. Né qui, né altrove” hanno sottolineato gli organizzatori “Con questa scelta il Governo italiano ha deciso di imboccare la strada profondamente sbagliata dell’individuazione di un unico sito da trasformare nella pattumiera dei rifiuti radioattivi italiani. Una scelta folle che farebbe dell’Italia l’unico paese al mondo che decide la gestione combinata dei rifiuti ad alta e bassa intensità. Una scelta folle considerato che si tratterebbe comunque di una scelta temporanea e che i rifiuti radioattivi ad alta attività dovranno essere nuovamente ricollocati in altro sito idoneo”. 

RADIO GOLD