Poesie e biografia del poeta Amos Grilli per i lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Amos Grilli è toscano di Cortona in provincia Arezzo, ma ora risiede a Empoli in provincia di Firenze.

Nella vita ha fatto il macchinista delle F.S., ora in pensione da anni fa il nonno e il poeta. 

Amos scrive di se: 

Sono un Re, che ha abdicato.

Per non avere,sudditi ruffiani intorno al trono.

Che,aspettano la morte del Monarca.

Per,versare solo ipocrite e fasulle lacrime.

Mi esulo dai cortigiani.

Quella “vil razza dannata”.

Alcune sue poesie: 

La maschera di scena.

Recitante, senza 

un copine.

Racconta la

commedia

della sua vita

Ci sono pochi

spettatori

nella platea.

Fra, ilarità e dramma

si muove

come fanno

gli attori.

Guidati, da

un bravo regista.

È, un giullare

e guascone

che si appresta

alla farsa.

Perché, è questo

che, piace

a certa

gente.

Quella che

per essere

la prima

vorrebe, anche

il dolore, al propio

appannaggio.

Recita,l a farsa

con la dovizia

che vuole il copione.

E dopo, l’ultimo battere

di mani.

Dietro, la tenda

che, chiude il sipario

lascia, cadere a terra

una lacrima.

Dove, si rispecchia

il suo volto senza

la maschera

di scena.

Amos.

La polvere colorata

del tempo.

È leggera, la polvere

colorata del tempo.

Che, si adagia sopra

i nostri ricordi.

Spessa, si fa con

l’andare dei giorni.

Copre, le orme dove

hai, lasciato i tuoi

pssi.

Con, alito leggero

soffi sopra per

riscoprire, quelli

che ti furono

graditi.

Ma, è bello il coraggio

di un soffio

più forte.

Che, ti riporta

alla luce, quello

che,f u il più triste.

Perché, sarebbe

incompleto

il libro della vita.

Se, alla fine prima

di darlo, allla lettura.

E, un giorno alla

tua memoria.

Ne, hai strappato

alcune pagine.

Sono, più belli

i ricordi.

Fusi, tra i sorrisi

e le lacrime.

Amos.