Sì _ l’ammetto _ a volte fuggo via

ho la capacità di prendere e volare

navigo priva di cartografie in cielo

_ me ne vado _ attraverso le maree

divento un gabbiano atipico

per perdermi scarrocciando

magari sarei un buon pirata.


Poi _ quando torno _ nulla cambia

e ritrovo ognuno dei luoghi vissuti

dove mi ha vista ognuno di chi sa


ricordandomi bene ciò che io ripongo

_ per puro spirito di sopravvivenza _


persino se li sento come fossero sepolcri

mi rimettono là a fingere d’essere Lazzaro

sebbene sia stanca d’alzarmi e camminare.






@lementelettriche – di Paola Cingolani