Commissioni tributarie, appello degli avvocati: piegati i diritti dei contribuenti

Federcontribuenti: ”Dallo scoppio della pandemia nelle commissioni tributarie si è deciso di introdurre il “contraddittorio cartolare coatto”, ovvero, le ”note di trattazione scritta” che hanno preso il posto della garanzia procedurale dell’interlocuzione diretta con il giudice. Il fatto gravissimo è che pur di fronte alla notifica di avvenuto deposito delle note di trattazione scritta in molte sentenze si legge che, a difesa del contribuente, non è comparso il difensore con la grave conseguenza di vedersi, lo stesso contribuente, soccombere senza possibilità alcuna di far valere le proprie ragioni”. Durissime conseguenze per i contribuenti, soprattutto per gli autonomi che rischiano di perdere il diritto ai bonus previsto dal decreto Ristori

Quante volte abbiamo parlato della disorganizzazione delle commissioni tributarie, della necessità di una riforma che renda il contribuente eguale dinnanzi alla giustizia tributaria al pari degli Enti resistenti; quante volte abbiamo denunciato la gravità dell’attuale sistema fiscale e tributario, dove il suo malfunzionamento mette un contribuente spalle al muro condannandolo alla morte economica.

Un contribuente a cui viene negato il principio del diritto alla difesa è un lavoratore a cui viene negato il DURC, a cui viene negato il bonus ristori perché, agli occhi dell’Ente impositore sarà sempre ritenuto un irregolare e quindi non degno di essere considerato, cioè ristorato nei suoi diritti.

Questa procedura, il contraddittorio cartolare coatto, imposto contro la volontà delle parti, è una disposizione che contrasta con i principi regolatori del giusto processo (articolo 111, comma 2, della Costituzione), il diritto di difesa (articolo 24) ed i diritti fondamentali di cui all’articolo 6, paragrafo 1 della Cedu, come interpretato dalla Corte di Giustizia, dovendo le parti avere sempre la possibilità di esporre oralmente le loro ragioni, in contraddittorio, e con la garanzia procedurale dell’interlocuzione diretta con il giudice.

”Alla data del 30 settembre 2020 le controversie tributarie pendenti, sono 366.870, aumentate dell’1,21% rispetto al 30 settembre 2019 e risultano in crescita del 2,92% rispetto all’inizio del trimestre”.

Tutto questo durerà fino alla cessazione degli effetti del nuovo stato emergenziale da Covid-19, quale scenario per i contribuenti?

In guerra con il fisco sono soprattutto i lavoratori autonomi che hanno sulle proprie spalle una cascata di scadenze fiscali: tutti i ristoratori, tutti i titolari di palestre o scuole di ballo, tutti i lavoratori nel settore turistico e tutti gli agenti di commercio sono a pezzi e la loro rabbia è solo frutto di una giusta paura di non sopravvivere a questo anno con il fatturato quasi a zero; di non sopravvivere a tutte le scadenze fiscali che si sono accumulate; di non ottenere i bonus perché non in regola con i pagamenti precedenti.

Cosa fare?

”Impugnare i propri diritti è il primo vero passo verso una rivoluzione dell’attuale sistema anti democratico. Vietato rassegnarsi ma combattere con gli strumenti giuridici di cui disponiamo che se anche – azzoppati – risultano essere l’unica vera arma attualmente valida”.

 

Giovane coppia eredita una multiproprietà e si ritrova cc e stipendio pignorati

Conti correnti e stipendio posti sotto sequestro fino a metà gennaio quando ci sarà l’udienza davanti al giudice per la convalida dell’atto di pignoramento per una cifra pari a 18 mila 500 euro. Giovane coppia eredita una multiproprietà e rischia di perdere anche la casa. Federcontribuenti: ”non siamo di fronte ad un caso estremo. I possessori di una multiproprietà o di un certificato vacanza o di una formula timesharing stanno subendo pesantissime ritorsioni da parte delle società che gestiscono questi beni mobiliari”. Cosa fare in questo caso?

”Questa giovane coppia ci ha contattato dopo essersi visti pignorare tuti i cc e lo stipendio e in questo caso il nostro ufficio legale si occuperà di capire il meccanismo che ha fatto maturare una cifra tanto salata. Le società che gestiscono queste strutture turistiche spariscono per anni e poi un bel giorno mandano pignoramenti a pioggia colpendo anche chi ignorava di aver ereditato una multiproprietà”.

Ricordiamo alcuni aspetti del mercato della multiproprietà:

difficoltà nell’estinguere o rinunciare alla titolarità di quote di multiproprietà italiane od estere con contratto d’acquisto o con rogito notarile; estinzione o rinuncia titolarità di Certificati di Associazione (Membership Certificate); transazioni di permute, vendite, rivendite e quanto altro, con verifica delle veridicità delle offerte anche con società estere.

La Legislazione Italiana in materia di multiproprietà è povera e molto nebulosa, lo sportello della Federcontribuenti fornisce professionisti esperti, che posseggono l’esperienza necessaria per poter offrire assistenza adeguata sia per l’ estinzione/rinuncia del diritto d’uso, come pure per potere recuperare, il capitale investito. Per le multiproprietà estere e per i certificati di associazione i nostri professionisti sapranno rispondere a tutti i quesiti che verranno loro posti, essi, in seguito ad una esperienza pluriennale del settore, sapranno avviare un’attività di intervento efficace ed attenta.

I consumatori tendono ad aspettare, fingere di dimenticare quel rogito nel cassetto o la stipula di quel contratto perché o sperano di riuscire a vendere guadagnando su un morto oppure sperano che il tutto cada nel dimenticatoio. Invece non solo non riescono a vendere ma, rischiano anche l’assalto alla diligenza con atti di pignoramento dalle somme fino a 3 volte superiori alla cancellazione del diritto. Il consiglio è: se non usate questo prodotto liberatevene o almeno pagate le rate dovute!”.

Ben 15 mila multiproprietari in Italia grazie alla Federcontribuenti si sono liberati della Multiproprietà, di un certificato di associazione ad un club turistico o settimane in timeshare ottenendo rimborsi quando l’acquisto si collegava ad un finanziamento finalizzato.

L’Associazione di riferimento per i consumatori che vanta i maggiori esperti italiani ed europei di Multiproprietà, rogitate e non, time share, tiempo compartido, certificati di affiliazione a club turistici, punti vacanze, preliminari di compravendita di quote di multiproprietà alberghiera et similia nonché dei mutui e finanziamenti collegati.

pastedGraphic.png

Vuoi cedere il tuo pacchetto vacanza?

Non sai come liberarti dai vincoli contrattuali?

Fai attenzione a finte società che promettono di vendere la tua vacanza e invece ti fanno firmare contratti con richieste di denaro che non ti liberano dal contratto di multiproprietà.

Federcontribuenti si occupa di trattative stragiudiziali italiane ed estere per la risoluzione dei vincoli associativi, di cause di nullità o annullamento di contratti di acquisto di multiproprietà e prodotti similari, di accertamento della nullità di preliminari di compravendita, nonché dell’accertamento della nullità dei contratti di finanziamento per il loro acquisto, con restituzione di tutte le somme versate.

In molti casi è infatti possibile ottenere anche il rimborso di tutte le rate pagate alle finanziarie per l’acquisto delle cosiddette multiproprietà, recuperando anche gli interessi.

Tag:consulenza legaleliberati della multiproprietàmultiproprietàpignoramentorogito notarilevendere la multiproprietà

AIUTACI AD AIUTARE

Abbiamo rifiutato da sempre i finanziamenti pubblici previsti per le grandi Associazioni perché, la nostra politica, prevede di sedere al tavolo dei cittadini e non dei politici. Oltre all’assistenza e alla tutela in tutte e le sedi per quanto riguarda il diritto bancario, fiscale, tributario, commerciale verso contribuenti, utenti e consumatori il nostro impegno é anche di dotare i nostri iscritti di servizi importanti nel pieno rispetto del Codice del Consumatore.

Contratti come liberarsi

Come liberarsi da un contratto truffa. Impianto fotovoltaico; impianto di depurazione delle acque; contratti di telefonia fissa – mobile e contratti di Pay TV. E ancora tariffe triplicate e conguagli su utenze domestiche; multiproprietà e timeshare. Sapevi che potresti aver diritto al rimborso anche di eventuali finanziamenti?

CONTATTACI

Problemi fiscali

Non sai come risolvere il problema della cartella esattoriale o l’Agenzia delle Entrate ti ha contattato? Il carico fiscale sta mettendo in pericolo la tua attività o la tua famiglia? Problemi con le rate dell’Agenzia della Riscossione? Non perdere tempo, possiamo aiutarti consigliandoti e tutelandoti in ogni sede.

CONTATTACI

Banche

Hai problemi con la tua banca? Sei vittima di un sistema poco trasparente? Sei un obbligazionista scontento o a rischio? Non riesci più a sostenere il peso del mutuo e hai paura di perdere tutto? La finanziaria ti sta togliendo la serenità e la speranza? Possiamo intervenire aiutandoti a risolvere i problemi che ti sembrano incubi.

CONTATTACI

Diritti Civili

Diritto alla salute, alle cure, problemi di malasanità. Diritto al lavoro, alla casa, all’istruzione. Diritti di coppia. Qualunque sia la tua storia, il tuo problema, qualunque cosa o persona ti neghi il Diritto di Vivere commette una violazione. Raccontaci il tuo problema, ti seguiremo in ogni sede e non sarai più solo.

CONTATTACI

Federcontribuenti

Sede Legale e Segreteria Nazionale

Piazza Cola di Rienzo, 92 – 00193 Roma

Tel: 0687153355 – 0698356606 – 10 linee r.a.