DAL DIARIO DEL CAPPELLANO della Polizia di Stato

Buongiorno e buona domenica pace e bene a tutti! Oggi la liturgia della chiesa ci fa celebrare la III Domenica del Tempo Ordinario: “Il Regno di Dio è vicino, convertitevi e credete al Vangelo”.
Dopo aver chiamato a se i suoi primi discepoli, oggi Gesù continua la sua azione di Maestro e Signore in mezzo al suo popolo: a tutti è data la Buona Novella: “Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il Vangelo di Dio e diceva: il tempo è compiuto e il Regno di Dio è vicino; convertitevi e credete al Vangelo”.
Cristo stesso infatti, come ci ricorda il brano del Vangelo di oggi al capitolo primo di Marco, è venuto nel mondo per salvarci, poiché è responsabilità di ognuno rispondere con gratitudine, accogliendo con fede la sua Parola, e lasciando che si trasformi il nostro modo di pensare e di agire, fino a identificarci con Lui: “Gesù disse loro: venite diete a me, vi farò diventare pescatori di uomini. E subito lasciarono le reti e lo seguirono”.
Sta proprio in questo l’essenza di una vera vocazione: consacrare tutta la propria vita a Dio per il bene dei fratelli, perché incontrare Gesù vuol dire mettere al centro del nostro cuore l’amore, la carità e la fede.
E questo vuol essere anche il mio augurio domenicale: essere cristiani non solo a parole, ma con i fatti e nella sostanza vuol dire cercare il Signore nella preghiera e nell’ascolto della sua Parola!
Stiamo celebrando la “Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani”, uniamo le nostre voci e i nostri cuori all’invocazione corale di tutti i credenti in Cristo, perché lo Spirito Santo si degni di portare a compimento l’anelito di Gesù: che tutti siano perfetti nell’unita e non ci siano più divisioni o prevaricazioni nell’unica Chiesa.
Affidiamo queste intenzioni di preghiera alla Beata Vergine Maria e a San Michele Arcangelo, nostro celeste Patrono.

Don Augusto Piccoli Cappellano della Polizia di Stato