Conte e l’incognita del Colle: possibili dimissioni entro stasera

Pres Conte VTC con Confindustria

Il Fatto Quotidiano

LA POLITICA in primo piano sul Fatto di domani, con gli ultimi sviluppi della crisi di governo aperta dalle dimissioni delle ministre di Italia Viva. Il premier Conte avrebbe deciso di salire al Quirinale, poiché al momento non ci sarebbero i numeri per sostenere la relazione sulla giustizia che il ministro Bonafede terrà mercoledì alle Camere, dopo che Italia Viva ha confermato il voto contrario. Cercheremo di capire, dunque, quali sono gli scenari possibili: in molti spingono il presidente del Consiglio verso le dimissioni-lampo, per poi costruire un Conte-ter aperto a più “responsabili” (facendo a meno del partito di Matteo Renzi?). Vedremo chi sono e cosa chiedono coloro che potrebbero dare una mano al neo governo (tra loro i forzisti, nonostante Berlusconi oggi abbia ribadito il suo no) e quali sono le condizioni considerate invece imprescindibili per i 5 Stelle.

In tutto questo è passata praticamente in secondo piano la questione iniziale posta da Iv – a dimostrazione della pretestuosità della richiesta –, e cioè la cabina di regia che avrebbe dovuto gestire i soldi del Recovery Plan. Cabina di regia che invece negli altri Paesi europei esisterà.