Compagnia Carabinieri di Casale Monferrato:

Nella serata del 18 gennaio, una donna chiamava la Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Casale Monferrato dicendo che il padre ottuagenario si era allontanato da circa due ore e, nonostante rispondesse a tratti al telefono, non sapeva indicare con esattezza il posto in cui si trovasse. L’Operatore della Centrale, che casualmente conosceva personalmente la richiedente, si metteva subito in contatto con l’anziano signore, ancora in possesso di una regolare patente di guida, il quale, a causa della fitta nebbia, non riusciva più a orientarsi e riferiva di trovarsi davanti a un ospedale, senza sapere tuttavia indicare con esattezza di quale ospedale si trattasse. Il militare, dopo essersi informato sul tipo di veicolo in possesso dell’anziano, scopriva che l’auto era dotata di sistema GPS di localizzazione, quindi procedeva a contattare la società che gestisce la geolocalizzazione e, in pochi minuti, il veicolo veniva localizzato a Torino, nei pressi dell’Ospedale “Molinette”. Venivano quindi allertate le Centrali Operative delle Forze di Polizia di Torino e, in poco tempo, una pattuglia delle Volanti della Questura, competente per territorio in quell’arco orario, rintracciava l’anziano signore, avvisando la Centrale Operativa della Compagnia di Casale Monferrato del buon esito delle ricerche. L’Operatore, che nel frattempo era rimasto al telefono con il malcapitato, confortandolo e rassicurandolo, avvisava anche il figlio dell’uomo, che raggiungeva e riportava a casa il padre dopo questa brutta avventura.

I Carabinieri della Compagnia di Casale Monferrato, a conclusione degli accertamenti scaturiti da un sinistro avvenuto il 29 dicembre scorso, in cui rimaneva ferito un ventenne, hanno denunciato in stato di libertà per lesioni personali colpose, fuga a seguito di incidente con danni alle persone e omissione di soccorso alle persone ferite un trentenne con pregiudizi di polizia, il quale, alla guida di un mezzo agricolo, avrebbe violentemente urtato l’auto del giovane, causando danni al veicolo e lesioni al conducente, che in quel momento si trovava fermo a bordo strada. L’uomo, dopo il sinistro, avrebbe proseguito la marcia omettendo di fermarsi e di prestare soccorso. Dall’esame delle telecamere presenti in zona e dalle testimonianze raccolte si risaliva al mezzo agricolo che causava l’incidente e al conducente.

Compagnia Carabinieri di Novi Ligure:

Nella notte tra il 21 e il 22 gennaio, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Novi Ligure hanno arrestato un 20enne per un furto commesso presso un supermercato del posto. I Carabinieri, inviati dalla Centrale Operativa presso il supermercato a seguito dell’attivazione dell’allarme del sistema antintrusione, scorgevano non lontano dal supermercato un carrello e una persona che, non appena notata la pattuglia, si dava alla fuga scavalcando un cancello. I Carabinieri riuscivano però a raggiungere e a bloccare l’altro ladro uscito dalla porta sul retro del supermercato. In seguito alla perquisizione personale, il 20enne veniva trovato in possesso di attrezzi da scasso: una chiave, uno spillone e un frangivetro. Il sopralluogo nel supermercato evidenziava come i malfattori fossero riusciti a entrare forzando e danneggiando una porta sul retro, verosimilmente con un lungo coltello seghettato e un altro martello frangivetro rinvenuti nei paraggi. La refurtiva recuperata, tre carrelli pieni di generi alimentari, bottiglie di vino ed elettrodomestici, del valore di oltre 1.500 euro, veniva immediatamente restituita al responsabile dell’esercizio giunto sul posto. L’arrestato, accompagnato davanti al Tribunale di Alessandria per il giudizio per direttissima, è stato condannato a 4 mesi di reclusione con pena sospesa ed è stato rimesso in libertà. Sono tuttora in corso le indagini per individuare il complice datosi alla fuga.