Racconti: Incognite radici, Grazia Torriglia

Incognite radici.

Sei le punte d’oro appese ad una sottile catenella portata al collo per un vanto o per riconoscimento o per una rinascita. 

La storia di un cognome ha un’origine, 

nasce nell’ieri con ferme radici prive di altro passato .

Ebbi dubbi quando cercai la mia, trasferita in questa patria in tempi di esilio.

Millequatrocento pare dalla Spagna 

ma perché prendere il nome di un paese 

se non per non dichiarare il precedente?

Così scoprii in me quelle sensazioni

di voglia e necessità ed empatia ad una stirpe letta solo nella Bibbia…e fu lì che mi ritrovai 

anche se nessun attestato mi conforta. 

La pena e l’orrore per le tante persecuzioni 

le continue fughe

la venuta di Cristo 

Il Calvario

la croce e i miei sogni 

con Lui al mio fianco. 

Continui tremiti nel cuore 

e la mente fissa sempre in ogni ricorrenza.

Quasi l’avessi vissute quelle incognite radici.

gr@