Disperata ha trovato riparo e salvezza in una banca di Alessandria al termine di mesi di persecuzioni e maltrattamenti fisici e psicologici. Grazie ai Carabinieri del capoluogo una donna è stata liberata dal suo violento convivente, un 38enne con precedenti, che, da marzo 2020, aveva reso la vita della compagna un inferno. L’ultimo episodio pochi giorni fa con la donna sfuggita all’uomo violento grazie all’aiuto della direttrice dell’istituto di credito che ha accolto la vittima e ha bloccato le porte di entrata per poi chiedere l’intrervento dei militari.

Poco dopo i Carabinieri sono giunti sul posto e hanno trovato la donna disperata e in lacrime con lesioni sul volto e su una gamba provocate dall’uomo, ancora presente all’esterno e intento a battere con i pugni sulla porta scorrevole per cercare di entrare. La perquisizione sul veicolo del 38enne ha permesso di trovare un coltello a serramanico, mentre all’interno abitazione sono stati recuperati due grinder con residui di marijuana. L’uomo è stato arrestato in flagranza di reato per maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e porto abusivo di oggetti atti a offendere. Attualmente si trova nella Casa Circondariale “Cantiello e Gaeta” di Alessandria, in regime di custodia cautelare.

Radio gold