Solitario è il volo maestoso del gabbiano:

plana con le sue grandi ali nell’aria

sopra il luccichìo dell’acqua nel sole

sopra la spuma dell’onda nella tempesta.

Bello nella sua regalità sdegnosa

lancia stridii  acuti parole nel vento-

per placare la sua solitudine

e farci alzare gli occhi al cielo

 dimentichi del suono molesto del  grido

nello stupore delle sue grandi ali.

Anche il gabbiano ha bisogno di voce

per rompere l’inquietudine del suo volo.

Da “Onde mosse “ediz.Effigi”2017 Photo by Anastasia Shuraeva on Pexels.com