La sezione ANPI
di Casale Monferrato esprime la sua piena e convinta solidarietà allo storico
Eric Gobetti che ha subito attacchi verbalmente violenti e minacciosi prima e
successivamente alla pubblicazione del suo nuovo libro “E allora le foibe?”, in
cui ricostruisce i fatti che furono alla base della complessa vicenda del
confine orientale.
Le minacce online di cui Gobetti e i suoi figli sono stati oggetto
rappresentano un’intimidazione tesa a silenziare la voce di chi cerca un
approfondimento mirato ad inserire la dolorosa vicenda delle foibe nel corretto
contesto storico, al servizio della verità.

Nessuno ne è depositario, chi non condivide un’interpretazione storica può
contestarla, basandosi ovviamente su fatti storici documentati.

Non sono invece accettabili intimidazioni e minacce che pongono gli autori
delle stesse fuori dal perimetro della legge e della convivenza pacifica.

Le minacce online di cui Gobetti e i suoi figli sono stati oggetto
rappresentano un’intimidazione tesa a silenziare la voce di chi cerca un
approfondimento mirato ad inserire la dolorosa vicenda delle foibe nel corretto
contesto storico, al servizio della verità.

Nessuno ne è depositario, chi non condivide un’interpretazione storica può
contestarla, basandosi ovviamente su fatti storici documentati.

Non sono invece accettabili intimidazioni e minacce che pongono gli autori
delle stesse fuori dal perimetro della legge e della convivenza pacifica.

Ci rivolgiamo a
tutte le cittadine e cittadini affinché siano sempre vigili rispetto a episodi
intimidatori e minacciosi, e contribuiscano, con il loro agire quotidiano, a
frenare questo rigurgito antidemocratico che cerca sempre più spazio
all’interno della nostra società.