IL “PALAZZO DELLA MERIDIANA”

Accanto alla Chiesa Collegiata, affacciato sulla medesima piazza, l’edificio di Palazzo Negrone è frutto della ricostruzione di una struttura più antica, apparetenuta fino al 1661 alla famiglia ghibellina novese dei Girardengo.
La facciata dipinta a finte architetture (secondo lo stile barocco genovese) è stata commissionata dal nobile genovese Bendinelli Negrone negli anni Trenta del XVIII secolo al quale sono state aggiunte a fine Settecento due meridiane.
Quella a sinistra è realizzata con la suddivisione “astronomica” delle ore che usiamo abitualmente oggi, e riporta i nomi dei mesi secondo il calendario intodotto dai rivoluzionari e abolito da Napoleone nel 1806.
Quella a destra utilizza i nomi del nostro abituale calendario, ma riporta le ore secondo l’uso “italico”, che faceva finire il giorno non alla mezzanotte, ma al tramonto (ad esempio, il 14 febbraio iniziava al tramonto di quello che noi oggi consideriamo il 13 febbraio).
Sotto ciascuna meridiana vi è l’analemma, la linea “a otto” che indica la correzione da applicare rispetto all’ora solare locale.
Sopra le meridiane, un affresco raffigura una figura femminile identificata con molta probabilità con Urania, figlia di Zeus e Musa di Astronomia e Geometria (come sembrano indicare il sestante e altri strumenti raffigurati accanto a lei):
con la mano destra indica il Sole, con la sinistra regge una corda con la quale tira qualcosa che i danni del tempo non ci permettono più di identificare.

(notizie tratte da AA. VV. “Palazzo Negrone a Novi Ligure” a cura di B. Merlano e C. Spantigati, edito dal Comune di Novi Ligure nel 1991).

Post di Antiche chiese e strade di Novi Ligure