Lega Alessandria: “Da Rita Rossa insulti volgari al personale dell’ospedale: si scusi immediatamente”

“Il consigliere Rita Rossa ha offeso in modo volgare e gratuito tutti gli operatori dell’Ospedale di Alessandria, e della sanità nel suo insieme: si scusi immediatamente, e adotti d’ora in poi in aula un linguaggio più consono e rispettoso”.

Il gruppo consiliare della Lega a Palazzo Rosso, dopo il consiglio comunale di mercoledì sera, reagisce con fermezza alle parole dell’ex sindaco Rossa, che intervenendo nell’ambito della discussione sull’ordine del giorno a sostegno delle Linee di Indirizzo della Regione Piemonte riguardo alla Ru486,  la pillola per l’aborto, ha detto testualmente “In ospedale ti trattano come una merda”, e poi, sollecitata al rispetto degli operatori sanitari alessandrini, ha allargato il tiro “Sto parlando in generale”.

Il gruppo consiliare alessandrino della Lega è consapevole che sul tema dell’aborto, della modalità di somministrazione della pillola Ru486 e degli aiuti alle donne esistono sensibilità e posizioni diverse, tutte degne di valutazione e rispetto. Quel che è invece inaccettabile è insultare gratuitamente, come ha fatto mercoledì sera il consigliere Rita Rossa, medici e paramedici delle strutture ospedaliere, alessandrine e non, peraltro proprio in una fase di emergenza che, da un anno a questa parte, li vede protagonisti in trincea al servizio della comunità, senza risparmio di energie e a rischio persino della propria salute. Un atteggiamento inqualificabile, e insulti senza senso dai quali la Lega si augura che anche il centro sinistra alessandrino prenda immediatamente le distanze.

Ufficio Stampa Lega Piemonte