lementelettriche

Impariamo a concepire il tempo in maniera circolare – come fosse una buona e soffice ciambella – non come se stessimo guardando il binario d’una ferrovia ad alta velocità, fatto di rette parallele che si estendono all’infinito ma non si toccano mai. Proviamoci, sarebbe una grandissima conquista.

[“A nemico che fugge, ponti d’oro.” – Frontino assegna la paternità della locuzione aScipione l’Africano – “Il nemico, quando scopre (Una salus victis, nullam sperare salutem)che non ha più nulla da perdere se non la propria vita, si rivolta col coraggio della disperazione contro l’inseguitore.”]

Adattandomi, in questo mezzo secolo ho letteralmente imparato a fare da pontefice, costruisco ponti d’oro, pur di alleviarmi la disperazione, a chi mi sfugge. Io non sono mai scappata ed è molto significativo non sia mai scappato neanche chi ho deciso io di lasciare.

“In ogni caso, avevamo fame. Anzi, per l’esattezza, ci sembrava di aver inghiottito il…

View original post 259 altre parole