ER COCOMMERARO

Drento ‘na Roma che nun ce sta più

s’aritrova ‘ncora er cocommeraro

arampicato sur banchetto a scalette

‘n’dove cià ‘nbella mostra ‘e fette d’anguria

“Taja ch’è rosso!” grida pe’ venne er prodotto

Mentre se gira a rimirà quarche ciumachella

che p’accontentallo je fa ‘n’sorisetto

movenno a più nun posso er posteriore

Se da da fa ‘st’imprennitore d’artri tempi

arifrescanno qua e là e’ fette de cocommero

posate su foje de fico mentre er rubbino

se fa gajardo n ‘e bocche d’i romani

che n’a tradizione cianno er gusto

de ritrovasse e riccontasse li fattacci loro

@Silvia De Angelis

IL COCOMERAIO (traduzione)

Dentro una Roma ormai inesistente

c’è ancora il cocomeraio

in bilico sul banchetto a scalette

ove tiene in bella mostra le fette d’anguria

“Taglia che è rosso!” grida per vendere il prodotto

Mentre si gira a guardare qualche ragazza

che per accontentarlo gli fa un sorriso

muovendo insistentemente le natiche

Si da da fare questo imprenditore d’altri tempi

rinfrescando qua e là le fette di cocomero

posate su foglie di fico mentre il rubino

si fa buonissimo nelle bocche dei romani

che nella tradizione hanno il gusto

di incontrarsi e raccontarsi i fatti loro