Esistono luoghi nel mondo in cui si ha la sensazione che l’uomo sia un accessorio e a comandare, in realtà, sia ancora la Natura, fatta di relazioni tra gli esseri, selvaggia, incontenibile, incontrollabile e capace di ammaliare. Uno di questi posti è l’arcipelago indonesiano, in particolare l’isola di Komodo – con il suo universo, scogli, secche e reef che la attorniano – e le isole di Rintja e Labuan, che la chiudono maestosamente a Sud e a Sud-Est.di Giuseppe Piccioli

Sorgente: Komodo, l’isola delle correnti