“LETTERA A JEFF BESOS” patron di Amazon, di Tiziana Gualco

Caro Jeff,

sono una qualunque commerciante italiana di un qualunque piccolo negozio di una qualunque città italiana.

Da quando esisti i nostri incassi fatturati e guadagni si vanno riducendo di giorno in giorno.

Ma questo è un complimento che Ti faccio: sei riuscito con le tue innate e meravigliose doti di intelligenza e lungimiranza a creare una macchina super efficiente e super competitiva

ma come l’hai costruita? pagando le tasse che io (qualunque commerciante italiana di un qualunque piccolo negozio di una qualunque città italiana) pago? o trovando 1.000 ed uno metodi di evaderle e quindi facendomi concorrenza sleale?

Ti chiedi se stai distruggendo il mondo del commercio a livello “quasi” mondiale con onestà o solo con “slealtà”?

Siamo tutti capaci a vendere a meno se non dovessimo pagare il 70% di tasse su quello che vendiamo…tutti.

Tu sei stato bravo e furbo a creare una struttura che evade tutto ciò che può, ma stai uccidendo tutto il resto del mondo.

Stai facendo concorrenza anche ai tuoi stessi venditori sulla tua piattaforma.

Cos’è questo? Commercio o commercio sleale ai confini con il crimine?

Cos’è questo: libero mercato o crimine (di aziende e di conseguenza anche di persone da cui le aziende sono formate)?

I tuoi dipendenti (ti sei mai chiesto) come stanno? Con contratti a tempo determinato che non diventano quasi mai a tempo indeterminato? Che vengono “spremuti”sperando in un’assunzione che poi non arriva, cercando di fare più “pick”non per guadagnare di più ( comprensibile) ma solo per non essere richiamati dal proprio “capo reparto”?

Che cosa pensi di avere creato? Un mondo meraviglioso o orribile, dove prevale solo una guerra continua tra te, noi ed i tuoi stessi collaboratori e dipendenti?

E’ questo il liberismo economico dei grandi pensatori economici, è questo il mondo a cui aspiri, è questo il mondo perfetto che stai cercando di creare insieme agli altri grandi del mondo con cui ti incontri qualche volta per parlare dei massimi sistemi?

Scendi sulla Terra quella vera….e mettiti nei panni di chi sta patendo le pene dell’inferno a causa tua e del mostro che hai creato.

E’ un mostro non un capolavoro.

Il capolavoro è un qualcosa che arricchisce e migliora la vita di tutti.

Il mostro è ugualmente grande, ma in negativo

Con la tua enorme intelligenza e ricchezza pensa che a causa tua dovrò e dovremo tutti combatterti tutta la vita, per ottenere solo le briciole di un commercio monopolizzato da te.

E’ questo quello che vuoi e volevi? 

“Cogito ergo sum” diceva Cartesio…pensa a chi sei e cosa hai fatto, abbassa i tuoi pensieri al mondo reale e non astronomico che hai in testa …e fai (ti prego) un passo indietro

Ti vorremo tutti più bene

Una tizia(na) qualunque