Circolo Letterario “PENNA CALAMAIO e WEB”

Padova

GAZZETTA LETTERARIA

pastedGraphic.png

Quindicinale Letterario del CircoloPENNA CALAMAIO e WEB” Tutti i diritti riservati All right reserved – Edito a Padova .Stampato in Italia – Printed in Italy letterariopennacalamaio@yahoo.it https://pennacalamaio.club www.facebook.com/penna.calamaio.

 N°13 Anno 2021 – Marzo – Edizioni di “PENNA CALAMAIO e WEB” Libera Associazione Culturale per la promozione e diffusione della scrittura e della lettura – sede di Padova

INCONTRO CONL’AUTORE

CLAUDIAANDRIOLLO

Pittrice e scrittrice è Associata al Circolo Letterario

“PENNA CALAMAIO e WEB” di Padova dal 2012

CLAUDIAANDRIOLLO

VECCHIO DIPINTO

Tento di colorare la mia vita,

un foglio bianco,

qualche frammento di luce, squarci di colore.

Penso

di vecchi dipinti

ormai non più di moda, mentre

scoppietta il fuoco, la legna si consuma nel camino.

Vampate di calore

nel silenzio della casa, filtra un raggio di luna, illumina

un vecchio dipinto e…

lo fa rivivere.

ARAZZO

Ho tessuto

il quadro della mia vita. Fili d’oro, d’argento preziosi come diamanti.

Fili bianchi, rosa come quando sei nata portando la luce.

Fili rossi d’amore intrisi di passione, poi

fili sbiaditi

quando sei volato via.

Ora… ammiro

il prezioso arazzo uscito dal cuore.

MELODIA

E’ notte, il fuoco

canta una canzone di lontani ricordi, m’avvolge

il calore del tuo viso

scintille di passione.

Alzo gli occhi

“mi vedi?”

E’ la luna

che sorride luminosa, sussurra

la tua melodia impreziosita dai ricami del tempo.

PENSIERI

Ricordo di un calore.

Ti seguo oltre il tempo… La mente vicina al rovo circonda il pensiero.

Un candido gabbiano va, batte l’ali sui  flutti, quasi sfiora il piacere… s’alza e se ne va lontano.

Lontano ormai nel freddo ricordo.

*********

Rumorosa solitudine fuori dal mare.

La serpe inghiotte le tenebre e striscia verso l’abisso.

Sole giallo dentro il mare. Fredda emozione in un caldo meriggio.

Calda emozione in un freddo mattino.

Cala la notte, è pace. E’ finita.

***********

Non tentare di spazzar via queste illusioni di viso, di mani,

di dominio e di riposo.

La quiete scivola nelle tue membra dopo il tramonto,

la notte ti porta vicino a me. All’alba resterà solo un ricordo.

*********

Pregiato legno di vibranti emozioni,

dolce vuoto di profondi solchi. La grande meta ti spinge su oltre i suoni, le sensazioni, nulla si toglie, nulla s’aggiunge.

L’animo tuo teso al piacere di fama, di gloria… d’indispensabile vita.

*********

Non bruciare! La nebbia copre,

addolcisce i rami e il nero viandante.

Domani,

l’angoscia se ne andrà, innocui rami dietro un bimbo colorato.

Spine nella tua mente, nel cuore.

Non soffrire, lasciati cullare, l’oblio per te ci sarà.

**********

 Castel STENICO – Trentino-

UN SOFFIO DI VENTO

Un soffio di vento

mi accarezza i pensieri arrivi in un istante

mi saluti e

te ne vai.

Sei forte, libero, accendi i cuori soggioghi le menti mentre corri lontano nel tempo,

un tempo passato colmo d’emozioni.

Ti nascondi nella luce prendi per mano

e… trascini oltre il tempo.

 Castel MONREALE -Trentino-

IL VESTITO

Ho riposto il vestito di seta verde

un giorno d’estate, l’ho riposto

in fondo al cassetto aspettando il momento.

Questa sera ho ricordato,

ho riaperto il cassetto ECCOLO!… in fondo, sta lì lucente

pronto per essere indossato.

Lo infilo… Sì!… Mi sta ancora, ma io non sono più io,

non posso tornare indietro. Lo tolgo lo ripongo,

il tempo è passato.

ALBERO

POESIA

Pregiato legno

di vibranti emozioni dolce vuoto

di profondi solchi.

La grande meta ti spinge su

oltre i suoni, le sensazioni, nulla si toglie,

nulla si aggiunge.

L’animo tuo teso al piacere, un velato piacere,

sete di fama, di gloria, indispensabile alla nostra vita

Un grande albero solitario

in un prato d’autunno. E bello,

molto bello, cresciuto libero, senza limiti.

Folta la chioma, senza ostacoli.

Si guarda intorno fiero di sé

della sua imponenza. Si guarda dentro,

un velo di tristezza, nessun appoggio nella bufera,

nel vento, nel gelo. È solo.

A MIASORELLA

La casa è avvolta nella luce della notte.

Scivolo da una stanza all’altra sorrido ai pensieri che a gara si presentano davanti.

Suoni voci gaie risate di un’insieme d’amore. Tutti ai loro posti nonni mariti figli

io e te in piedi vicine ci guardiamo

ci prendiamo per mano restiamo in silenzio ascoltando le musiche d’allora trattenendo il respiro

per ascoltare e capire… A un tratto nuovo silenzio la stanza è vuota

accarezzo immagini svanite.

Lascio cadere i pensieri

il cuore si rialza dall’emozione d’una notte di Settembre.

Castel BESENO – Trentino – (notturno)

 

MI SENTO NUDA

Mi sento nuda come te albero spogliato

della bella chioma. Burrasca del tempo scuote l’animo.

Danzano le foglie e si lasciano delicatamente posare a terra

per l’ultimo brivido di gioia.

QUANTI…

 Quanti mondi dovrò vivere per trovare me stessa?

Ho vissuto… Ho rivissuto… Rivivrò

non so quante volte

dovrò percorrere

i sentieri dell’anima che mi condurranno definitivamente a te.

SERA

M’incammino con te verso la mia sera.

Un tenue colore grigio-perla lucente velato di pallido rosa avvolge la valle.

Sul treno della vita aspetto…

Vedo scorrere alberi, dritti, storti, fieri, piegati. Rivedo tutti coloro… che mi hanno amata

e chi mi ha rattristata.

Il treno rallenta

è arrivato alla stazione? No!… aspetta la coincidenza la stazione è più avanti.

Castello di ROVERETO – Trentino (notturno)

pastedGraphic_1.png

Tutti i diritti riservati – All right reserved – Marzo 2021 by Claudia Andriollo – Circolo Letterario “PENNA CALAMAIO e WEB” Padova – Italy – Edito in Italia

pastedGraphic_2.png