di pochi giorni fa la notizia che le Province autonome di Trento e di Bolzano hanno messo a punto nuove linee guida per la gestione del lupo nel proprio territorio. L’obiettivo è dichiaratamente quello di rendere autonome le decisioni in merito all’abbattimento di individui problematici, scelta preoccupante, secondo il WWF, in quanto la fauna è un bene indisponibile dello Stato e la gestione delle specie minacciate, materia regolata anche da Direttive Europee, va operata su base nazionale e internazionale.Presunto colpevoleLa presunta pericolosità del lupo per l’incolumità delle persone non è oggi un tema all’ordine del giorno, poiché mai negli ultimi decenni si sono verificati casi di aggressione mortale verso esseri umani. Per una pacifica coesistenza tra uomo e grandi carnivori, sottolinea il WWF, è fondamentale rispettare le Direttive Europee e aumentare gli sforzi per favorire la convivenza tra le attività umane e specie protette come lupi e orsi, riconoscendo il valore della loro presenza per l’equilibrio degli ecosistemi.

Sorgente: Il WWF dice no alla gestione autonoma del lupo