https://www.ansa.it/amp/sito/notizie/cronaca/2021/03/02/femminicidio-durante-lockdown-uomo-a-processo-in-assise_3f01366f-609e-4e74-94b0-176fb72b970d.html

 E’ stato mandato a processo davanti alla Corte d’Assise di Milano Antonio Vena, 47enne operaio ed ex guardia venatoria accusato di avere ucciso con un fucile a pompa, nel cuore della notte tra il 18 e il 19 aprile 2020 nel periodo del lockdown, mentre dormiva, la sua compagna Alessandra Cità, sua coetanea e tranviera dell’Atm (azienda trasporti milanesi), a Truccazzano, nel Milanese. Lo ha deciso il gup di Milano Alessandra Simion accogliendo la richiesta del pm Giovanni Tarzia.
    “Voleva lasciarmi, l’ho ammazzata”, aveva detto l’uomo ai carabinieri di Cassano D’Adda, poche ore dopo il delitto. Stando all’indagine, i due, coetanei, si conoscevano da molto tempo e avevano iniziato una relazione sentimentale circa 9 anni prima dell’omicidio.

Leggi l’articolo completo su ANSA.IT