Primavera, Vittorio Zingone

Primavera    

Il concerto fi gemme dischiuse   

Sui rami ancor spogli degli alberi   

Colma il cuore di tenera gioia ,   

 Volge l’anima a conciliarsi con Dio

L’aure ancor non s’impregnan di tiepido,   

Pur l’azzurro e’ deserto di rondini,   

I frumenti non prendono il volo,   

Eolo ancor non dispiega i suoi zefiri.  

Un profumo intenso di glicini   

Si diffonde d’introno e briaca   

Chi s’attarda a mirarne le grazie.   

Primavera e’ una donna bellissima,  

I capelli son chiome verdissime,   

Le sue vesti profumano l’aure,   

I suoi occhi son mari profondi  

In cui naviga senza una bussola  

La sfrenata fantasia di donne, di uomini.