Da Elisabetta Piccolotti

Aggiornamento.

Alberto Giovanni Gerli, l’ingegnere vicino alla Lega nominato nel Comitato Tecnico scientifico l’altro ieri, ha rinunciato all’incarico.

Segno che le polemiche dei social che tutto ricordano, e in particolare ricordano le previsioni sballate dei suoi modelli previsionali, non erano poi così strumentali e pretestuose.

Pare che l’unica utilità dei calcoli previsionali di Gerli sia stata quella di essere usati da certa politica paranegazionista per delegittimare le misure di contenimento del virus .

Pare anche che l’ingegnere abbia un curriculum scientifico molto molto più debole di centinaia di suoi colleghi statistici e biostatistici.

Dopo le sue dimissioni, la domanda ha ancora più forza: come ci è arrivato nel Cts? Chi ha fatto le nomine quali criteri ha utilizzato? Possibile che gli utenti dei social abbiano guardato i curriculum dei componenti del Cts meglio di chi li ha nominati?

E pensare che questo era stato annunciato come il tempo dei migliori…