La decisione Ema: via libera al vaccino AstraZeneca. «Sicuro ed efficace, non aumenta il rischio di trombosi».

Oms: continuare con vaccino AstraZeneca contro il Covid. Il vaccino AstraZeneca è sicuro ed efficace contro il Covid-19 e non è associato ad aumento di rischi di trombosi. Lo afferma l’Ema, l’Agenzia europea del farmaco.

Il vaccino AstraZeneca «è sicuro ed efficace» contro il Covid-19 e non è associato ad aumento di rischi di trombosi. Lo afferma l’Ema, l’Agenzia europea del farmaco, al termine di una seduta straordinaria per esaminare il farmaco anglo-svedese dopo alcune segnalazioni di rari eventi di trombosi in alcuni Paesi. Una conclusione definitiva su questi episodi non è ancora tecnicamente possibile perché le indagini proseguono ma intanto il vaccino si può usare e «i benefici sono nettamente superiori ai rischi». La commissione sulla sicurezza dell’Ema inoltre «non ha trovato prova di problemi di qualità o sui lotti». L’Agenzia non esclude che il vaccino possa essere associato a casi “estremamente rari” di trombosi associati a trombocitopenia, cioè a bassi livelli di piastrine (elementi nel sangue che lo aiutano a coagulare) con o senza sanguinamento, inclusi rari casi di coaguli nei vasi che drenano il sangue dal cervello ma per avere conferme servono ulteriori approfondimenti.

I casi di trombosi dopo la somministrazione del vaccino AstraZeneca «sono comunque inferiori» a quelli che avvengono tra la popolazione non vaccinata, ha detto Sabien Straus, presidente del Prac (Commissione di farmacovigilanza) , nella conferenza stampa dell’Agenzia europea. In tutto sono stati segnalati 25 casi su 20 milioni di vaccinati. In particolare, gli eventi sospetti di trombosi cerebrali dopo la vaccinazione con AstraZeneca sono stati sette in Germania, tre in Italia, due in Norvegia, uno in Spagna, oltre a tre nel Regno Unito e due in India. «È un vaccino sicuro ed efficace», ha aggiunto la direttrice dell’Ema Emer Cooke aggiungendo che l’agenzia continuerà ad analizzare la situazione con “alta priorità” con ulteriori analisi per seguire gli effetti della vaccinazione con il ritrovato della casa farmaceutica anglo-svedese. Per l’Ema ci sono pochi, specifici casi di trombosi. Non ci sono al momento «indicazioni sufficienti» che indichino un rapporto di causalità tra la vaccinazione e tali casi, «estremamente rari», ma che in ogni caso «occorre restare vigili» nel seguire gli effetti dell’uso del vaccino e mitigare i rischi.

Il foglietto illustrativo del vaccino AstraZeneca «deve essere aggiornato: è importante che venga comunicato al pubblico e agli operatori sanitari perché apprendano meglio queste informazioni, permettendo loro di mitigare questi effetti collaterali», ha aggiunto Sabien Straus. Il verdetto dell’Ema era molto atteso dopo che all’inizio della settimana la Germania – e a seguire Italia, Francia, Spagna e diversi altri Stati europei – aveva deciso di sospendere la vaccinazione con AstraZeneca su raccomandazione delle autorità sanitarie nazionale dopo che erano emersi 7 casi gravi di trombosi tra donne giovani, 3 dei quali mortali, senza che venisse confermato un nesso di causalità con la somministrazione del farmaco.