Bocciato il decreto sostegni: l’assegno coprirà appena il 5% delle perdite

L’AdER effettuerà 340.000 controlli nel triennio 2021-2023 per recuperare 45 miliardi di euro dai lavoratori autonomi. Federcontribuenti: ”Questa opera di recupero crediti – fisco, banche, fornitori, ect – combinate alla recessione economica da covid, creeranno le condizioni per scatenare una tempesta perfetta sulle attività commerciali”. Bocciato il decreto sostegni: ”l’assegno coprirà appena il 5% delle perdite”. I sindacati dicono no alla cancellazione delle cartelle esattoriali, falso moralismo? Fate cassa sui beni tolti ai boss: ”30 miliardi che qualcuno non vuole incassare, 22 mila immobili confiscati tenuti in ostaggio, da chi?”. Lasciateci lavorare in santa pace!

La vita reale.

Paola 56 anni e da 20 anni titolare di una merceria a Milano non riaprirà più: ”ho provato a continuare a lavorare online, come fanno tutti sponsorizzando i miei prodotti sui social, ma non posso competere con i prezzi di chi vende solo online e non ha i miei costi fissi. Ci vogliono digitalizzati, io so solo che pago le tasse a fronte di chi guadagna online in nero. È questo il modello imprenditoriale che vogliono?”

Leggi i report e tutti dicono la stessa cosa: – le piccole partite iva in Italia presentano una serie di problematiche legate agli aspetti organizzativi e sono inoltre poco digitalizzate ed hanno difficoltà a reperire risorse finanziarie presso le banche e gli investitori specializzati – .

Questi report li puoi leggere nelle commissioni parlamentari; nei convegni organizzati dalle grandi e potenti associazioni di categoria, dai convegni organizzati dalle o per le banche o grandi istituti finanziari. Insomma tutti sanno ma, incredibilmente, nessuno si pone una stupidissima domanda: le piccolissime PMI italiane sono il 70% di tutto il tessuto economico, come sostenerle?

Federcontribuenti: ”stiamo aiutando un start up rivoluzionaria e stiamo toccando con mano l’inadeguatezza degli strumenti messi in campo per sostenere la piccola, ma importantissima, economia interna. Solo di business plus ci hanno chiesto il 5% del finanziamento concesso. Le banche non ti prendono nemmeno in considerazione se non ti fai presentare da un guru del marketing o della finanza che, a sua volta, ti chiede una somma improponibile. Chi vorrebbe solo aprire una attività e lavorare viene subito colto da una profonda amarezza e dalla voglia di abbandonare tutto e sparire dall’Italia”. Dopo Pasqua, quando lo scudo della zona rossa si alzerà, conteremo le saracinesche che non riapriranno più e sarà tardi.

Il decreto sostegni: ”la misura è chiaramente insufficiente se consideriamo che il fatturato non è calato ma crollato mentre i costi fissi per la gestione delle attività sono, in molte voci, aumentate e anche considerato che, una P.Iva, non deve solo mantenere l’attività, ma anche la famiglia. Diciamo che il decreto sostegni, forse, sanerà i debiti fiscali e non certo il diritto ad un reddito sufficiente a vivere. A questo punto perchè non dare nulla e sanare tutti i debiti accumulati da questi piccoli imprenditori?”.

L’economia italiana vista dall’alto.

I negozi non essenziali, (non essenziali per chi?) sono chiusi; se ad esempio un negozio di abbigliamento vende per uomo, donna e bambino, la sezione uomo – donna è recintato e può vendere solo per bambino, (cavolata colossale), ma tanto gli italiani comprano sui social. Sui sociali o sulle potenti piattaforme di e-commerce non ci sono limitazioni di acquisto, online tutto è essenziale; se acquisti o vendi sui marketplace è totalmente esentasse.

Federcontribuenti: ”è pronta la nostra piattaforma e-commerce. Nsa sarà la prima piattaforma di commercio elettronico con sede in Italia e che commercializza solo ed esclusivamente prodotti italiani fatti in Italia. Sono aperte le adesioni sia per i venditori sia per gli investitori. NSA nasce come antitesi ai colossi americani dell’e-commerce; tutte le PMI italiane avranno libero accesso alle nostre vetrine; avranno la possibilita’ di usufruire di un team di professionisti dall’indubbia esperienza mondiale nel campo per la formazione, consulenza e progettazione finanziaria accompagnando le aziende nell’adempimento burocratico e aprendo loro il varco dell’esport sui canali internazionali. Le aziende che aderiranno, disporranno di tutti quei strumenti utili alla produzione, valorizzazione e messa in vendita. Stiamo fermi a guadare mentre il mondo ci copia il nostro saper fare, è il momento di dire basta”.

Contratti come liberarsi

Come liberarsi da un contratto truffa. Impianto fotovoltaico; impianto di depurazione delle acque; contratti di telefonia fissa – mobile e contratti di Pay TV. E ancora tariffe triplicate e conguagli su utenze domestiche; multiproprietà e timeshare. Sapevi che potresti aver diritto al rimborso anche di eventuali finanziamenti?

CONTATTACI

Problemi fiscali

Non sai come risolvere il problema della cartella esattoriale o l’Agenzia delle Entrate ti ha contattato? Il carico fiscale sta mettendo in pericolo la tua attività o la tua famiglia? Problemi con le rate dell’Agenzia della Riscossione? Non perdere tempo, possiamo aiutarti consigliandoti e tutelandoti in ogni sede.

CONTATTACI

Banche

Hai problemi con la tua banca? Sei vittima di un sistema poco trasparente? Sei un obbligazionista scontento o a rischio? Non riesci più a sostenere il peso del mutuo e hai paura di perdere tutto? La finanziaria ti sta togliendo la serenità e la speranza? Possiamo intervenire aiutandoti a risolvere i problemi che ti sembrano incubi.

CONTATTACI

Diritti Civili

Diritto alla salute, alle cure, problemi di malasanità. Diritto al lavoro, alla casa, all’istruzione. Diritti di coppia. Qualunque sia la tua storia, il tuo problema, qualunque cosa o persona ti neghi il Diritto di Vivere commette una violazione. Raccontaci il tuo problema, ti seguiremo in ogni sede e non sarai più solo.

CONTATTACI

Federcontribuenti

Sede Legale e Segreteria Nazionale

Piazza Cola di Rienzo, 92 – 00193 Roma

Tel: 0687153355 – 0698356606 – 10 linee r.a.

Fax: 06 56562646

E-mail: info@federcontribuenti.it