a cura di Marina vicario

https://www.pluriversumedizioni.it/maria-teresa-tedde/

L’AUTRICE

Docente in pensione, vive a Sassari, dove ha esercitato la sua professione di insegnante nella scuola Primaria e poi nella Superiore. Pur dedicandosi alla scrittura di racconti brevi e di un romanzo, la sua vera passione è emersa dopo il pensionamento, allorché il tempo libero le ha concesso carta bianca. Ha pubblicato sei raccolte poetiche, presentate a Parigi, Sassari, Milano, Roma, La Spezia, Torino, Lissone, Cagliari, Nuoro, Porto Torres e in altre città. Nel marzo 2017 le viene conferito il titolo di “Accademico di onore nella classe delle lettere” dal Professore e Rettore Alfonso Mula. L’ultimo libro pubblicato nel maggio 2019 (“Dipinti e poesie”, Pier Domenico Magri-Maria Teresa Tedde) la vede impegnata in un connubio pittorico e poetico col maestro Pier Domenico Magri, in una performance al Museo Archeologico Nazionale di Cagliari sulla cultura nuragica in Sardegna, il 17 maggio 2019.

Fretta

Apparterremo alle pagine di storia
per rivoluzione dal basso
senza vinti nè vincitori.

Saremo Lucia Mondella e Renzo
Don Abbondio e Don Rodrigo
e non faremo inutilmente
il nome dell’ Innominato
convertito dalla fede di una donna.

Forse invecchieremo in questa quarantena
con fine lontana
io di certo sì non potrò ingannare
ancora il mio ’44
priva di essenza di entusiasmi
di ponti da attraversare
di voli da realizzare.

Donna di mare di baci
di abbracci
lo scrivo
sempre potrò ancora stringere
fra le mie braccia materia di amore?

Finiranno le mie azzurritá
Sansone senza chioma Achille
nel tallone narrerò odissea
nelle stanze sigillate
d’una casa di periferia.

Che ci sia speranza
del domani
ora sacro più di un’ ostia benedetta.

Ho fretta
di oltrepassare confini.

Inedita di Maria Teresa Tedde d.r. 17/03/ ore 17:15