Matteo Bassetti: Soggetti trattati al San Martino con gli anticorpi monoclonali

Siamo arrivati a 9 soggetti trattati qui al San Martino con gli anticorpi monoclonali in meno di una settimana. Stanno tutti bene e, per il momento, sono tutti a casa loro. 

La sensazione nella pratica clinica è che funzionino davvero bene. La situazione ospedaliera è tranquilla, come sempre durante questa terza ondata qui in Liguria, che oggi si potrebbe definire un’ondina. 

Infine leggo oggi sulle colonne di Libero che il compagno di una nota presentatrice televisiva scrive testualmente riferito a me “È RIUSCITO A DIRE UNA DELLE PIÙ GRANDI CASTRONERIE DELLA STORIA: “UNO PRIMA DEVE ESSERE VISITATO E POI DECIDERE LA CURA”. Sono felice di aver detto questa, definita (sic.!!??) come “castroneria”, perché è quello che insegno ogni giorno ai miei studenti in Medicina. 

Visitate i pazienti e poi curateli: ogni individuo e’ diverso da un altro. La cura unica fai da te aiuta il virus e non i pazienti. 

Le cure le prescrivono i medici dopo aver acquisito tutte le informazioni e i dati clinici dai  Loro pazienti. 

Si chiama “ars medica”, quella che orgogliosamente svolgiamo ogni giorno. Questa è la differenza tra la medicina pratica  e quella dei reality show.