Ho varcato
la porta socchiusa
e mi sono lasciata
alle spalle
la stanza buia
e il tic tac dell’orologio.

E oltre
era un immenso
campo di girasoli
che mi sorridevano
puntando verso di me
il loro volto giallo
e mi salutavano
ondeggiando
al vento.
Lia