O’ sole a meza notte, di Giuseppe Buro

O’ sole a meza notte

e chest’onna a rive e mare,

tu m’abbracce io te voglio

nzieme a te è nata cosa.

O’ penziero mio sultanto fa

movere ogni cosa, mo’ sta luna

pare sole, mo stu cielo fa l’ammore.

E chest’aria accussì fina ca

me pare seta fina, m’accarezza

po me sbatte ncoppo o’ core

comm’ a ll’onna.

Tu si a mia ossaccio già,

ma che vuò che chiagne a fa,

me n’accorgo mo sultanto ca

si ll’aria ca a me manca.

@ Giuseppe Buro