Photo by Pixabay on Pexels.com
Orizzonti e tepori d'aria
inebriano giornate apparentemente stanche.
La notte regala sprazzi di pensieri
e il giorno rimbomba con il suo
incedere di colori primaverili.
Si vede l'azzurro del cielo
e i cirri cominciano a pennellare
con le consuete forme indefinite.
I pensieri volano e cercano 
di sorreggersi tra gli spazi dell'animo.
Un assordante silenzio si nutre avidamente
di note talvolta stonate.
Ci sono pensieri che non muoiono
ma che in disparte sonnecchiano
inermi e taciturni sino a quando
ci si rende conto che il passato 
è presente con il suo carico di domande.
Tanti se...tanti ma...
che collimano in un palpito tanto tenero
quanto dolcemente bugiardo.



I diritti sono dell'autore

Salvo Occhino