https://www.corriere.it/salute/malattie_infettive/21_marzo_28/studio-crisanti-covid-gli-anticorpi-resistono-9-10-mesi-feba175e-8f95-11eb-bb16-68ed0eb2a8f6.shtml

Nove-dieci mesi: tanto durerebbero nell’organismo gli anticorpi prodotti dal coronavirus Sars-Cov-2 nelle persone che sono state positive, o che sono negative ma positive al test sierologico: è uno dei dati dello studio condotto a Vo’ Euganeo in Veneto da Andrea Crisanti, microbiologo dell’università di Padova. La ricerca, di cui per ora è stato anticipato questo dato, è in fase di revisione da parte del comitato scientifico della rivista Nature e ci vorrà almeno un mese e mezzo prima della pubblicazione. La ricerca, condotta insieme all’Imperial College di Londra si aggiunge alle moltissime dedicate alla durata degli anticorpi, tema cruciale per capire se e quando sarà necessario un richiamo del vaccino. Quella della durata dell’immunità data dagli anticorpi al Covid è una delle questioni più dibattute, perché non ci sono dati definitivi. Secondo uno studio pubblicato qualche mese fa su Science dall’ospedale Mount Sinai di New York, la maggior parte dei malati che ha avuto una forma lieve o moderata di Covid-19 mantiene una forte risposta degli anticorpi neutralizzanti per almeno cinque mesi, mentre per uno studio del King’s College di Londra l’immunità cala rapidamente nel giro di tre mesi, soprattutto fra anziani e asintomatici. Tuttavia altri importanti studi suggeriscono che l’immunità (con anticorpi neutralizzanti) può durare in media tra i 6-8 mesi, ma è chiaro che più passa il tempo più potremo avere notizie precise, anche se conta molto la risposta del singolo.