Grazie a una squadra di tecnici del Life ConRaSi – progetto per la Conservazione dei Rapaci in Sicilia – che dal 2017  ha “marcato” con anelli colorati alle zampe e con trasmettitori satellitari 28 giovani aquile, ai primi di aprile è stato individuato un nuovo pulcino, il primo nato da individui di aquila di Bonelli. È figlio di Bart, esemplare nato nel 2017 nella provincia di Catania, territorio storicamente mai occupato prima dalla sua specie, dove si è stabilito dopo un breve periodo di dispersione e dove oggi almeno quattro aquile equipaggiate con dispositivi di tracciamento hanno formato coppie, costruito i loro nidi e deposto uova.Vita spericolataBart, che due anni fa era rimasto intrappolato per ore in una profonda cisterna, fortunatamente vuota, da cui era stato salvato dall’equipe del Life ConRaSi proprio grazie all’analisi dei tracciati satellitari, aveva già tentato di riprodursi a quasi due anni d’età ma, sessualmente immaturo, aveva fallito nell’impresa. Ora, padre premurosissimo, si prende cura del suo pulcino insieme alla nuova compagna.

Sorgente: Fiocco azzurro per l’aquila di Bonelli