CENERI, di Anna Giancarlo

CENERI

Pallido cielo si turba la mente,

rimembra il sole splendente

del tempo della giovinezza

trascorsa fugacemente.

Il capo sul seno adagiato,

le labbra cremisi socchiuse

in muta richiesta,

trema il cuore colmo d’ardore

implode l’amore.

Dove ti sei perduta 

anima pura?

In un mondo che giace 

nel male che incombe

trascinando seco tutto il patire.

Arde un ceppo tra sprazzi

di scintille incandescenti

ma non s’annulla il gelo

dell’alma annientata

dal dolore.

Lacrime consolatorie nascoste

da pioggia sottile scivolano

nel travaglio del vivere.

Rimembro sguardi fugaci 

nel rapimento dell’estasi.

Ora solo ceneri nel tempio 

dei ricordi…

NINA – Anna Giancarlo