COME SOLITO … OSSERVO E PENSO, di Ela Gentile

COME SOLITO … OSSERVO E PENSO

Ieri alzando gli occhi al cielo,

come faccio sempre

quando sono alla guida,

mi ha colpito un cielo terso

come non l’avevo visto neanche in estate.

Ho guardato in tutte le angolature

ma neanche un bruscolino,

neanche la più piccola nuvoletta

macchiava quel meraviglioso cielo.

Non ci volevo credere

e mi dicevo:” qualcosa ci sarà

a macchiare quest’azzurro,

anche lontano all’orizzonte,

oppure al di là della montagna”,

ma niente, non c’era niente

e continuavo ad osservare

mettendo a rischio la mia incolumità

con quegli occhi più in alto che alla strada.

E questo mi ha fatto pensare

e mi dicevo: ”Sarebbe troppo bello

se una millesima parte di questo splendore,

di questa purezza e di questa luce

si trovasse nell’animo umano

al posto della falsità, delle ombre

e del buio che vi si ritrova.”

E’tanto bello vivere nella chiarezza,

nella coerenza, nella verità e nella fiducia

che sono tutte qualità che solo nella luce

possono trovare sbocco

e solo lì si possono trovare.

Ma poi mi son detta che a molti

sarebbe mancato lo scontro,

le invidie, le gelosie

e soprattutto la cattiveria

che vive nel buio e prolifica

e s’incorona da sola,

credendosi al di sopra del bene

e potenzialmente padrona, giudice

e detentrice dello scettro della verità.

Sono solo pensieri

che all’improvviso

passano per la mente

e si fermano a parlarmi,

ma solo per il tempo

che mi serve per arrivare

a destinazione.

Ela Gentile