Alessandria celebra il 25 Aprile nel 76° Anniversario della Liberazione

Nel permanere dei vincoli normativi e nel pieno rispetto delle prescrizioni anti-Covid19, prevedendosila partecipazione da parte delle sole Autorità e Rappresentanti istituzionali locali, Alessandria si prepara a vivere il 25 Aprile nel 76° anniversario della Liberazione: una celebrazione che, seppur parzialmente “ridimensionata” a causa della pandemia, quest’anno si declina nuovamente secondo tutti i consueti momenti che caratterizzano questa manifestazione nel capoluogo alessandrino.

Il senso di questo giorno – primaria Festa nazionale – è il diventare sempre più consapevoli del significato di ciò che fu la lotta di Liberazione, la Resistenza, il sacrificio di allora per donare agli italiani un Paese libero e democratico, il valore di un impegno civile e civico che sia valso e che perduri per il consolidamento della Repubblica Italiana e la piena attuazione dei principi solennemente sanciti dalla Carta Costituzionale.

I Soggetti istituzionali coinvolti nella diretta promozione della celebrazione del 25 aprile di quest’anno ad Alessandria sono, oltre all’Amministrazione Comunale, la Provincia di Alessandria, l’ANPI-Comitato Provinciale di Alessandria, l’Istituto del Nastro Azzurro tra Combattenti Decorati al Valor Militare, e l’ISRAL Istituto per la storia della resistenza e della società contemporanea in provincia di Alessandria “Carlo Gilardenghi”.

L’articolazione degli eventi è la seguente:

ore 08.30 – Cattedrale di San Pietro Apostolo 

Celebrazione eucaristica in suffragio dei Partigiani caduti.